Set 04 2019

Terminillo Ultra Marathon

Sezione: News da The President ore 20:57

seguici live su https://api.endu.net/track/map2/13334

TERMINILLO ULTRA MARATHON è una gara di ultracycling non stop con partenza dal Monte Terminillo ed aperta alla partecipazione di solitari (sia self-supported che con veicolo al seguito) e team da 2 o 4 ciclisti(in staffetta).

La prima edizione di TERMINILLO ULTRA MARATHON prende il via dal paese del Terminillo nel centro d’Italia il giorno 7 Settembre 2019.

TERMINILLO ULTRA MARATHON attraversa 4 regioni, Lazio, Umbria, Abruzzo e Marchemettendo in grande evidenza le zone colpite dal recente sisma del 2016.

Il percorso di 540 Km X 10000 Mt di dislivello circa, si snoda su territori dalle mille sfaccettature con la salita impegnativa del Terminillo fino ad arrivare al mare Adriatico.

il 7 settembre ore 08 48' 00" partirà la mia personale Terminillo Ultra Marathon, gara di ultracycling casalinga organizzata da Zerolimits Bike lunga 540 km con 10.000 metri di dislivello… prima di iniziare a pedalare ci tenevo a ringraziare loro:Ottica CurciVerdepianaValle SantaAntiche Fonti di Cottorella SpAFARAM SRLNpc RietiNuova Pizzeria Il VialeEssere Benessere FisioterapiaBazar TerminilloEDELWEISS (Leonessa)Albacolor Srl RietiTrattoria Pizzeria "da Ciccio"Massimo RitiAICS Rieti

Pubblicato da Cristian Bianchetti su Mercoledì 4 settembre 2019

La TERMINILLO ULTRA MARATHON è una delle tappe dell’ Ultracycling Italian Challenge(www.ultracyclingitalia.com ).

Io partirò con il numero 12 alle ore 08 46′ e 30″con al seguito la mia Crew Spaziale: seguici live su https://api.endu.net/track/map2/13334

3 sono le caratteristiche fondamentali della TERMINILLO ULTRA MARATHON

RESILIENZA > Una grande sfida contro voi stessi, una prova dura ma anche una opportunità da vivere in solitaria o con un team di amici.

CONDIVISIONE > La notte, il freddo, la fame saranno le difficoltà principale da affrontare da soli o da condividere con il vostro Team.

NAVIGAZIONE > Il percorso si snoda su strade asfaltate e aperte al traffico e non segnato con frecce e cartelli. L’ultracycler e il suo equipaggio dovranno rispettare il codice della strada e mettere in atto le proprie capacità di orientamento e di navigazione.

TERMINILLO ULTRA MARATHON è un evento sportivo estremo che richiede una preparazione fisica e mentale importante e un equipaggiamento adeguato a tutte le possibili variabili meteorologiche.

Un pensiero personale:
3 anni dopo il grande sisma… lo abbiamo impresso nella mente quel 24 agosto, perché eravamo li con gli amici a prestare i primi aiuti … eravamo esattamente dove sono i nomi dei partecipanti alla Terminillo Ultra Marathon, che, per la maggior parte del percorso ci farà pedalare a contatto con gli effetti terrificanti del “mostro”.
Non sarà facile… già mi è capitato di pedalare 205 km a contatto totale con la distruzione, percependo costantemente un brivido sulla schiena… la sensazione che hai è quella di pedalare più veloce, perché, hai sempre la pelle d’oca che ti stuzzica … quel giorno erano molti i ciclisti improvvisati soccorritori. Non ne abbiamo quasi mai parlato con GiorgioAngelo,EmilianoGabrieleAgostino, Roberto, Daniele, Federico, Giammarco, Riccardo … con Vincenzo, a volte, abbiamo scaricato per qualche momento quelle sensazioni di impotenza davanti alla morte e alla devastazione totale. Di una cosa sono sicuro. Siamo cambiati, forse qualcuno è diventato uomo quel giorno, sulla bilancia della vita è diventato tutto relativo… ora quando mi capita qualcosa, qualsiasi cosa, la raffronti a quella giornata di sole, piena di polvere e odore acre, di urla di dolore e abbracci pieni di speranza per chi si ritrovava tra le macerie… una volta fatto giorno e salito sul tetto crollato più alto del centro, l’unica descrizione che mi viene in mente è l’apocalisse: 360° di visuale completamente devastati… poi arrivo’ il 30 ottobre… chi era rimasto barcollante è andato KO. Chilometri e chilometri di territorio nascosto, paesi fantasma, panorami mozzafiato… tutto distrutto. Sono rimasti i DURI, quelli che da li non se ne andranno mai… ma è dura… è veramente dura…
Questo per dirvi che il 7 settembre quando passerò nel luogo di questa foto, penserò a voi che c’eravate… a chi ce l’ha fatta e a chi il destino lo ha reso un nome tra i 299 nomi che non verranno mai dimenticati per questa tragedia… libri, foto, video… solo in parte servono a capire… ma mai nulla toglierà dalla testa quel maledetto 24 agosto per chi lo ha vissuto come Noi. 
in genere scrivo Enjoy… 
oggi preferisco Hope (speranza)

Tags:

Set 02 2019

La Romagna Race Solo Man è conquistata!

Sezione: News da The President ore 18:15

Cristian Bianchetti vince nella sua categoria solo man la Romagna Ultra Race, una gara di Ultracycling di 550 km con 14.000 metri di dislivello

Cristian Bianchetti

Cristian Bianchetti!!!

Pubblicato da Romagna Ultra Race su Mercoledì 5 giugno 2019

“Preparata al meglio dopo l’everesting dedicato a Lucio Battisti del 10 maggio, dove niente si lascia all’improvvisazione per non cadere in una profonda crisi fisica. La sfida vera era per il 1 ed il 2 giugno a Forli, la durezza del percorso e l’escursione termica tra la notte ed il giorno sono state le fatiche più dure da affrontare. La testa in questi casi è tutto supportata dalla Crew al seguito Con Agostino Bianchetti, Luca Masini ed Eloise Nania” ha detto Bianchetti.
“Sono risalito in sella il 21 marzo, in 70 giorni ho preparato questa folle gara: solo chi rischia di andare troppo lontano avrà la possibilità di scoprire quanto lontano si può andare, diceva Thomas Stearns Eliot… devo dargli ragione!” sono le parole di Cristian.

“Dalla vittoria alla Adriatic Marathon (la gara più lunga d’Italia con 1200km e 7000 mt di dislivello percorsa in 48 ore, a quella vinta lo scorso week end in 27 ore con il doppio del dislivello ma in metà chilometri, 4 volte più dura direi – ha continuato Bianchetti – due esperienze agli estremi, il resto è nel mezzo, gioia pura.”

Foto: Eloise Mania ©

Tags:

Mag 30 2019

Romagna Ultra RAce

Sezione: News da The President ore 11:12

La prossima SFIDA da ultracycler di Cristian Bianchetti
FORLI’ 1 – 2 giugno 2019
550 KM 14.000 mt di dislivello

Cristian Bianchetti

eccoci oggi con Cristian Bianchetti, musiciclista!

Pubblicato da Romagna Ultra Race su Venerdì 14 giugno 2019

La Romagna Ultra Race è un viaggio interiore condito dai colori del cielo, del tramonto, della natura, dal calore delle stelle e dalla forza dell’alba.
E’ una sfida contro sé stessi, nel panorama mozzafiato che le colline Romagnole sanno offrire.

E’ una sfida a contatto con i propri compagni di avventura, altri indomiti navigatori in cerca di un sogno. E’ una passeggiata insieme alla propria compagna di mille avventure, alla ricerca di un nuovo panorama, di un nuovo limite, di una nuova fatica.
Romagna Ultra Race è passione, amore, sacrificio, dolore, rinuncia: è Ultracycling!

Tags:

Mag 14 2019

Cristian Bianchetti nella HIGH ROULEURS SOCIETY

Sezione: News da The President ore 18:19


Con l’Everesting del 10 maggio 2019 sono con “onore e fatica” un membro della HRS – HIGH ROULEURS SOCIETY !!
Il concetto di ingresso nella HIGH ROULEURS SOCIETY è semplice.
Scegli qualsiasi percorso, anello o combinazione di strade e guida fino a raggiungere i 10.000 metri verticali (32,809 piedi).
Ci sono due modi in cui puoi accumulare i tuoi 10.000 metri di dislivello per il tuo ingresso nella HIGH ROULEURS SOCIETY e due linee guida leggermente diverse:

IL LIMITE: Un singolo giro ininterrotto di oltre 10.000 metri in verticale. Nessun limite di tempo, nessun requisito di distanza, nessun sonno consentito. Questo approccio consiste nel trovare i limiti di ciò che è possibile in un singolo giro. Se ti capita di completare un everesting (8848 mt di dislivello) bastano altri 1152 metri di dislivello per trasformare la tua sfida in HRS Limit. (conquistato il 10 maggio 2019)

IL VIAGGIO: più di 10.000 metri in verticale in meno di 36 ore, con un minimo di 400 km. Il sonno è permesso (mentre il tempo stringe), e in effetti dovrebbe far parte della tua strategia! Questo approccio riguarda la gioia di progettare qualcosa di epico e insolito. Con la possibilità di iniziare i due giorni in luoghi diversi, dovresti essere creativo con ciò che può essere raggiunto. (alla ricerca il 1 giugno 2019 alla Romagna Ultra Race)

Tutte le corse HRS completate appariranno nella Hall of Fame.

HELLS 500 è sempre stato al centro dell’innovazione e dell’avventura. È questo approccio che ci tiene interessati, entusiasti e costantemente alla ricerca.

Tutto è iniziato con un gruppo di ragazzi a cui è piaciuto pedalare sulle colline. Troppo.

Ci piaceva il fatto che, in quanto corridori di collina, eravamo in prima fila, quindi piuttosto che in gara, ci eravamo prefissati obiettivi che nessun altro stava facendo. Il pre-requisito per qualsiasi sfida che abbiamo fissato è stato che doveva essere difficile. Per qualificarsi, doveva essere troppo difficile uscire e pedalarlo. Trascorreremmo mesi ad allenarci per ogni nuova epopea, solitamente programmata con l’arrivo della primavera. Ciò significava che il punto cruciale del nostro allenamento ogni anno veniva intrapreso negli inverni freddi, bui e umidi in cui tutti gli altri sarebbero rimasti sotto il tetto.

Era questo approccio che avrebbe portato alla fine il marchio della nuvola blasonata su ogni braccio dei ciclisti Hells 500, e la striscia grigia sul petto. È un simbolo che ricorda agli altri che mentre stanno prendendo la calma durante l’inverno, è quello in cui pedaliamo di più. Ogni sfida completata porta a un’altra più difficile, come queste cose tendono a fare. Presto siamo stati coinvolti in un epico film di 500 km da 2 giorni attraverso l’High Country, inclusi 10.000 metri di arrampicata. Erano tutti i tipi di duro, e la parola viaggiava. Abbiamo iniziato a essere introdotti come “quegli inferni 500 ragazzi”. È bloccato. Gli inferni 500 non hanno paura dell’epica dispari. In effetti, più è dispari, maggiore è l’appeal. Clicca qui per saperne di più su alcuni dei nostri epici precedenti … (tradotto dal sito ufficiale)


Pagina successiva »