Set 29 2019

Bianchetti Vince la Time Trial 24 h, nuova gioia in Veneto per l’ultracycler reatino

Sezione: News da The President ore 15:24

Annata da incorniciare  nel vero senso della parola per l’ultracycler reatino Cristian Bianchetti. Esattamente un anno fa vinceva Adriatic Marathon (1240 km in 48 ore) e 365 giorni dopo cala il poker in Veneto (dopo le vittorie alla Romagna Ultra Race e alla Terminillo Ultra Marathon).Bianchetti ha vinto la Time Trial, una cronometro di 24 ore su strada a Bagnolo (Treviso), in un percorso di 24 Km e 440 metri di dislivello caratterizzato da salite pedalabili, lunghi rettilinei, divertenti saliscendi e due strappi che hanno fatto la selezione tra le colline del Prosecco, Bianchetti è partito con il n°16 alle ore 08.04 del 28 settembre per arrivare 24 ore dopo, percorrendo 26 giri del percorso. 642 km con oltre 10.000 metri dislivello con una media superiore i 26 km/h e anticipando di 12 minuti l’austriaco Eduard Fuchs e di 2 giri lo sloveno Dejan Jug

Cristian Bianchetti

Ancora i nostri complimenti a Cristian Bianchetti che vince tra i solo nella 24h di Time Trial -Cronometro 6h-12h 24h Bagnolo di S.Pietro di Feletto!Grande!

Pubblicato da Time Trial su Domenica 29 settembre 2019

“Sono felicissimo – le parole di Bianchetti – mai fatta una gara cosi tesa dove il diretto inseguitore era sempre alle costole… battaglia vera! Nelle prime 9 ore avevamo una media di quasi 30 km/h dopo aver percorso 280 km e oltre 4000 metri di dislivello. Ed ogni giro, non avendo io assistenza al seguito, mi fermavo ai box per i rifornimenti perdendo una trentina di secondi su chi proseguiva prendendo acqua e viveri al volo. Tensione alle stelle, ma portare a casa questa quarta vittoria, alla quarta partecipazione ad una gara di ultracycling, stavolta ha un sapore particolare, un metro di misura con gli avversari più forti d’Europa.
Ho usato la testa per non mollare, ero costantemente aggiornato sui distacchi da mia moglie a casa ed alle ore 22 è arrivato ad aiutarmi in zona box Ivano Incensi da Forlì (organizzatore della Romagna Ultra) e da li è partito l’attacco per portare il distacco con il secondo da 2 a 12 minuti”.

Tags:

Set 04 2019

Terminillo Ultra Marathon

Sezione: News da The President ore 20:57

seguici live su https://api.endu.net/track/map2/13334

TERMINILLO ULTRA MARATHON è una gara di ultracycling non stop con partenza dal Monte Terminillo ed aperta alla partecipazione di solitari (sia self-supported che con veicolo al seguito) e team da 2 o 4 ciclisti(in staffetta).

La prima edizione di TERMINILLO ULTRA MARATHON prende il via dal paese del Terminillo nel centro d’Italia il giorno 7 Settembre 2019.

TERMINILLO ULTRA MARATHON attraversa 4 regioni, Lazio, Umbria, Abruzzo e Marchemettendo in grande evidenza le zone colpite dal recente sisma del 2016.

Il percorso di 540 Km X 10000 Mt di dislivello circa, si snoda su territori dalle mille sfaccettature con la salita impegnativa del Terminillo fino ad arrivare al mare Adriatico.

il 7 settembre ore 08 48' 00" partirà la mia personale Terminillo Ultra Marathon, gara di ultracycling casalinga organizzata da Zerolimits Bike lunga 540 km con 10.000 metri di dislivello… prima di iniziare a pedalare ci tenevo a ringraziare loro:Ottica CurciVerdepianaValle SantaAntiche Fonti di Cottorella SpAFARAM SRLNpc RietiNuova Pizzeria Il VialeEssere Benessere FisioterapiaBazar TerminilloEDELWEISS (Leonessa)Albacolor Srl RietiTrattoria Pizzeria "da Ciccio"Massimo RitiAICS Rieti

Pubblicato da Cristian Bianchetti su Mercoledì 4 settembre 2019

La TERMINILLO ULTRA MARATHON è una delle tappe dell’ Ultracycling Italian Challenge(www.ultracyclingitalia.com ).

Io partirò con il numero 12 alle ore 08 46′ e 30″con al seguito la mia Crew Spaziale: seguici live su https://api.endu.net/track/map2/13334

3 sono le caratteristiche fondamentali della TERMINILLO ULTRA MARATHON

RESILIENZA > Una grande sfida contro voi stessi, una prova dura ma anche una opportunità da vivere in solitaria o con un team di amici.

CONDIVISIONE > La notte, il freddo, la fame saranno le difficoltà principale da affrontare da soli o da condividere con il vostro Team.

NAVIGAZIONE > Il percorso si snoda su strade asfaltate e aperte al traffico e non segnato con frecce e cartelli. L’ultracycler e il suo equipaggio dovranno rispettare il codice della strada e mettere in atto le proprie capacità di orientamento e di navigazione.

TERMINILLO ULTRA MARATHON è un evento sportivo estremo che richiede una preparazione fisica e mentale importante e un equipaggiamento adeguato a tutte le possibili variabili meteorologiche.

Un pensiero personale:
3 anni dopo il grande sisma… lo abbiamo impresso nella mente quel 24 agosto, perché eravamo li con gli amici a prestare i primi aiuti … eravamo esattamente dove sono i nomi dei partecipanti alla Terminillo Ultra Marathon, che, per la maggior parte del percorso ci farà pedalare a contatto con gli effetti terrificanti del “mostro”.
Non sarà facile… già mi è capitato di pedalare 205 km a contatto totale con la distruzione, percependo costantemente un brivido sulla schiena… la sensazione che hai è quella di pedalare più veloce, perché, hai sempre la pelle d’oca che ti stuzzica … quel giorno erano molti i ciclisti improvvisati soccorritori. Non ne abbiamo quasi mai parlato con GiorgioAngelo,EmilianoGabrieleAgostino, Roberto, Daniele, Federico, Giammarco, Riccardo … con Vincenzo, a volte, abbiamo scaricato per qualche momento quelle sensazioni di impotenza davanti alla morte e alla devastazione totale. Di una cosa sono sicuro. Siamo cambiati, forse qualcuno è diventato uomo quel giorno, sulla bilancia della vita è diventato tutto relativo… ora quando mi capita qualcosa, qualsiasi cosa, la raffronti a quella giornata di sole, piena di polvere e odore acre, di urla di dolore e abbracci pieni di speranza per chi si ritrovava tra le macerie… una volta fatto giorno e salito sul tetto crollato più alto del centro, l’unica descrizione che mi viene in mente è l’apocalisse: 360° di visuale completamente devastati… poi arrivo’ il 30 ottobre… chi era rimasto barcollante è andato KO. Chilometri e chilometri di territorio nascosto, paesi fantasma, panorami mozzafiato… tutto distrutto. Sono rimasti i DURI, quelli che da li non se ne andranno mai… ma è dura… è veramente dura…
Questo per dirvi che il 7 settembre quando passerò nel luogo di questa foto, penserò a voi che c’eravate… a chi ce l’ha fatta e a chi il destino lo ha reso un nome tra i 299 nomi che non verranno mai dimenticati per questa tragedia… libri, foto, video… solo in parte servono a capire… ma mai nulla toglierà dalla testa quel maledetto 24 agosto per chi lo ha vissuto come Noi. 
in genere scrivo Enjoy… 
oggi preferisco Hope (speranza)

Tags:

Set 02 2019

La Romagna Race Solo Man è conquistata!

Sezione: News da The President ore 18:15

Cristian Bianchetti vince nella sua categoria solo man la Romagna Ultra Race, una gara di Ultracycling di 550 km con 14.000 metri di dislivello

Cristian Bianchetti

Cristian Bianchetti!!!

Pubblicato da Romagna Ultra Race su Mercoledì 5 giugno 2019

“Preparata al meglio dopo l’everesting dedicato a Lucio Battisti del 10 maggio, dove niente si lascia all’improvvisazione per non cadere in una profonda crisi fisica. La sfida vera era per il 1 ed il 2 giugno a Forli, la durezza del percorso e l’escursione termica tra la notte ed il giorno sono state le fatiche più dure da affrontare. La testa in questi casi è tutto supportata dalla Crew al seguito Con Agostino Bianchetti, Luca Masini ed Eloise Nania” ha detto Bianchetti.
“Sono risalito in sella il 21 marzo, in 70 giorni ho preparato questa folle gara: solo chi rischia di andare troppo lontano avrà la possibilità di scoprire quanto lontano si può andare, diceva Thomas Stearns Eliot… devo dargli ragione!” sono le parole di Cristian.

“Dalla vittoria alla Adriatic Marathon (la gara più lunga d’Italia con 1200km e 7000 mt di dislivello percorsa in 48 ore, a quella vinta lo scorso week end in 27 ore con il doppio del dislivello ma in metà chilometri, 4 volte più dura direi – ha continuato Bianchetti – due esperienze agli estremi, il resto è nel mezzo, gioia pura.”

Foto: Eloise Mania ©

Tags: